menu alto

News: Tecnica

modellismo dinamico

Eccoci arrivati alla seconda parte della nostra guida su come fissare le parti dei nostri automodelli radiocomandati. Per leggerla dall’inizio clicca qui. Una falla nel sistema di scarico è una della cose peggiori che possano capitare, quindi è importante che tutto sia fissato correttamente. Basta che i tubi si allentino un pochino perché le prestazioni del motore siano compromesse.

Usate tutte le viti e i ferretti di fissaggio, ma aggiungete un collarino extra su quello standard. Consigliamo anche di usare una doppia molla per fissare lo scarico al motore, così da evitare problemi anche con le peggiori vibrazioni.

Continua a leggere

EFlite
ARRMA
PROBOAT
Slider

Modellismo Dinamico
Il modellismo dinamico è pieno di piccole attenzioni che possono rendere più sicure e divertenti le nostre giornate. Vi è mai successo di schiantare la vostra macchina e che qualche pezzo si staccasse sfiorandovi alla velocità di un missile? A noi è capitato!

I nostri modelli sono pieni di componenti incollati, avvitati o incastrati che, se non fissati correttamente, possono staccarsi al minimo incidente. Qualsiasi pezzo, se non opportunamente montato, può compromettere il funzionamento e le prestazioni, facendovi perdere una gara o dei soldi in ricambi. Ecco una serie di pratici consigli per evitare questo genere di seccature.

Modellismo Dinamico

Iniziamo dall’elettronica

Molta dell’elettronica usata nel modellismo dinamico è tenuta dal nastro biadesivo che funziona molto bene a patto che sia di buona qualità e che le superfici da incollare siano state accuratamente pulite con spray motore o alcool denaturato. Ricordate di premere bene le parti da incollare per garantire la maggior presa possibile. Se il vostro ESC può essere montato attraverso delle viti usatele, è il modo più sicuro di tenerlo al suo posto.

Continua a leggere

Motori a scoppio RC

Clicca qui per leggere dall’inizio la guida tecnica di Xtreme RC Cars sulla pulizia e manutenzione dei motori a scoppio RC.

Frizione – Qui non c’è molto da fare oltre a pulire e ispezionare i componenti. Se qualche pezzo sembra consumato cambiatelo. Ceppi, molle e campane sono molto robusti e sopportano molti sforzi, ma per i cuscinetti la manutenzione deve essere più attenta.

Se sono anche solo leggermente consumati o producono un minimo attrito alla rotazione, cambiateli senza esitazione. Se sono ancora in buone condizioni potete usarli ancora dopo averli puliti con spray motore e lubrificati con un olio leggero. Non esagerate con l’olio, se ne mettete troppo potrebbe traboccare sulla campana facendo scivolare i ceppi e surriscaldando tutto il sistema. Attualmente i cuscinetti costano poco quindi montarne di nuovi non è mai un’idea sbagliata.

Motori a scoppio RC

Continua a leggere





Motori a scoppio RC

Clicca qui per leggere la prima parte della guida tecnica di Xtreme RC Cars sulla pulizia dei motori a scoppio RC. Inizieremo con una pulizia esterna che non è fondamentale come quella interna, ma porta comunque diversi vantaggi. Fango, pietroline e incrostazioni sono prima di tutto un inutile peso da portarsi appresso, ma ostacolano anche la corretta areazione e il raffreddamento di testa e motore.

Tappate i fori dello scarico, della miscela e del carburatore con dei tappi di gomma o con carta arrotolata per evitare che ci entri qualsiasi corpo estraneo e usate uno spazzolino per pulire l’esterno, abbondando con alcool naturale o un prodotto specifico per la pulizia dei motori.

Continua a leggere

motore a scoppio

Quante volte abbiamo conservato il nostro motore a scoppio senza pulirlo, dopo una gara dicendoci “lo faccio dopo”? Il risultato è sempre lo stesso: un blocco di alluminio praticamente cristallizzato che, alla gara successiva, non ne vuole sapere di partire. E pensare che basterebbero 30 secondi per svuotarlo dalla miscela, pulirlo e oliarlo.

La procedura per riportare in vita un motore “incollato” è un po’ noiosa e porta via del tempo, ma non è poi così difficile. Speriamo, almeno, che serva come monito per imparare la lezione ed evitare, alla prossima corsa, di ricadere nello stesso errore.

Ora prepariamoci a rimediare al guaio!

Continua a leggere





Per leggere la guida di Xtreme RC Cars su come migliorare le prestazioni degli automodelli Ready To Run dall’inizio clicca qui. Le gomme sono un elemento determinante: cambiando tipologia e mescola si può adattare molto rapidamente una macchina a un particolare tracciato. Il modo migliore per risparmiare, in questo caso, è di far sì che sia qualcun altro a sperimentare per voi.

Osservate tutti gli altri piloti e identificate i più veloci, per poi chiedergli che gomme stiano usando o, nel caso non velo dicano, spiarli di nascosto. Le persone, in genere, sono contente di condividere le proprie esperienze, ma certi preferiscono mantenere il segreto. Se vicino alla pista c’è anche un negozio di modellismo, i ragazzi che lo gestiscono sapranno dirvi cosa vendono di più.

Molti RTR sono dotati di carrozzerie colorate con grafiche accattivanti. L’unico inconveniente è che potreste ritrovarvi a correre con altre 10 macchine identiche alla vostra. Cambiare la carrozzeria non è certo una cosa indispensabile, almeno finché è tutta intera, ma una verniciatura personalizzata può risultare molto utile.

Continua a leggere

automodelli Ready To Run

Per leggere la prima parte della guida di Xtreme RC Cars su come migliorare le prestazioni degli automodelli Ready To Run clicca qui. Ottenuta la velocità, aumentano le possibilità di rotture e incidenti. La tentazione è quella di comprare subito dei ricambi di migliore qualità (e più cari), ma non sempre è la scelta più giusta, almeno quando si comincia. Certi pezzi si rompono in continuazione. Un vecchio monster truck che guido di solito, ad esempio, rompe sempre il supporto degli ammortizzatori.

automodelli Ready To Run

Dopo averlo sostituito diverse volte, ne ho comprato uno di alluminio, carissimo. La volta successiva quel pezzo non si è rotto, ma al suo posto si sono rotti il differenziale e un paio di braccetti dato che le forze che prima avevano rotto il supporto si erano ora trasmesse a questi pezzi. Cambiare il supporto mi sarebbe costato 5 minuti, mentre per riparare il resto ci ho messo un’ora.

Continua a leggere